Esodo ambientale

Popoli in fuga da terre difficili

Esiste un numero sempre crescente di persone che non possono più garantirsi i mezzi di sussistenza nel luogo in cui vivono a causa della siccità, dell’erosione del suolo, della desertificazione, della deforestazione e di altri problemi ambientali. Attualmente i rifugiati ambientali sono almeno 25 milioni, ma potrebbero raddoppiare entro il 2010 o anche prima, se dovessero avverarsi le previsioni relative al riscaldamento globale.

Questo fenomeno non ha ancora trovato alcun riconoscimento ufficiale da parte delle organizzazioni che si occupano di assistere i rifugiati. Ma è un problema che potrebbe innescare una delle più gravi crisi dei nostri tempi: quella dei rifugiati ambientali è a tutti gli effetti anche una crisi sociale, politica ed economica.

Molti dei luoghi di cui si parla in questo volume sono già noti alle cronache (il Nord Africa, il subcontinente indiano, le Filippine) ma esistono situazioni di crisi ambientale gravissima anche in contesti insospettabili, come i Caraibi; di queste non sappiamo pressoché nulla.

Il lavoro di Myers riesce, con estrema chiarezza, a metterci di fronte alle motivazioni profonde delle migrazioni; la povertà, la disoccupazione, la stessa guerra, sono spesso spiegazioni del tutto insufficienti. L’enorme quantità di dati e l’accurato lavoro di interpretazione presentati in questo volume svelano i rapporti causali che intercorrono tra problemi ambientali e migrazioni di massa: se i fenomeni di degrado ambientale persisteranno con l’attuale intensità, gli effetti di un autentico esodo ambientale potrebbero rivelarsi difficilmente gestibili.

Uscita:
ISBN:8886412622
Pagine:232
Formato:15x23
Stato:pubblicato

Prezzo: 19.63 €